Civile

Sull’ok al piano l’esame dei giudici non è «economico»

di Giuseppe Acciaro e Alessandro Pais

La valutazione economica di voci attive o passive e la collocazione di un debito al privilegio anziché al chirografo non inficiano la fattibilità giuridica del piano concordatario. Con tale motivazione la Corte d’appello di Catania, sentenza n. 654 del 20 aprile 2015, ha riformato la pronuncia del tribunale fallimentare che dichiarava inammissibile una proposta di concordato, poiché priva del requisito di fattibilità giuridica per violazione di norme imperative e per inadeguatezza della attestazione del professionista. Il primo ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?