Civile

Ai creditori la possibilità di un piano «alternativo»

di Angelo Busani

Il Dl 83/2015 ha introdotto (con efficacia per i procedimenti di concordato preventivo successivi all’entrata in vigore della legge di conversione) la possibilità per i creditori di presentare proposte di concordato preventivo “alternative” rispetto a quella formulata dal debitore. Una volta che le varie proposte di concordate siano presentate, risulterà dunque approvata la proposta di concordato che consegua la maggioranza più elevata dei crediti ammessi al voto (occorre però precisare che i creditori autori di una proposta di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?