Civile

Il datore di lavoro non deve garantire parità di inquadramento e retribuzione tra i lavoratori

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il lavoratore dipendente con qualifica inferiore a cui siano state affidate le stesse mansioni di un altro lavoratore con qualifica superiore non può pretendere dal datore di lavoro la parità di inquadramento e di retribuzione. Nei rapporti privatistici, infatti, sussiste il solo principio dell'adeguatezza della retribuzione previsto dall'articolo 36 della Costituzione e non anche un principio generale che impone al datore di lavoro di garantire la parità di retribuzione e inquadramento a tutti i lavoratori che svolgono le stesse ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?