Civile

Con il tramonto del danno tanatologico la Cassazione ritorna alle origini

di Remo Bresciani

Addio al riconoscimento del danno tanatologico. Le sezioni Unite civili della Suprema corte, infatti, con la sentenza n. 15350 del 2015 hanno escluso in maniera categorica che nel caso di morte immediata o che segua entro brevissimo lasso di tempo alle lesioni possa essere invocato un diritto al risarcimento del danno iure hereditatis. Un ritorno alle origini - I giudici di legittimità preso atto dell'esistenza di un contrasto in seno alla terza sezione avevano disposto, con l'ordinanza ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?