Civile

Colpa medica: il danneggiato non ha l’onere di provare il nesso causale in concreto

di Mario Piselli

In ambito della cosiddetta colpa medica, non sussiste a carico del creditore danneggiato l'onere di provare il nesso causale in concreto, essendo egli tenuto solo all'allegazione di un inadempimento che sia, in astratto, atto a provocare il danno, cosicché, dedotta dall'attore una condotta idonea a porsi in relazione causale con l'insorgenza o l'aggravamento di una patologia provata dal danneggiato, grava poi sul sanitario convenuto dimostrare che tale condotta non vi è proprio stata ovvero provare che, pur esistendo in ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?