Civile

No al rimpatrio se il minore corre un rischio psichico

Francesco Machina Grifeo

Prima di disporre il rimpatrio di un minore portato fuori dai confini nazionali senza il consenso dell'altro genitore, il tribunale deve verificare che al rientro a casa la possibilità di essere affidato al richiedente sia effettiva, e che il bambino non corra alcun rischio psichico. Per queste ragioni la Corte di cassazione, sentenza 16043/2015 , ha accolto il ricorso di una madre contro la decisione del tribunale di Napoli che aveva disposto il ritorno in America della figlia. La ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?