Civile

Costituzione in giudizio anche a mezzo posta se raggiunge lo scopo

Francesco Machina Grifeo

Il vizio derivante dalla «irrituale» costituzione in giudizio mediante invio in cancelleria dell'atto difensivo a mezzo del servizio postale, è sanato dal raggiungimento dello scopo, vale a dire dalla ricezione dell'atto da parte del cancelliere. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 12509/2015 , accogliendo sotto questo profilo il ricorso del Ministero dell'Interno in una controversia con un messo notificatore. Il caso - Il giudice di Pace di Biella aveva accolto la domanda del messo che chiedeva ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?