Civile

Il rifiuto dei test clinici non è opponibile agli eredi ‘collaborativi'

Francesco Machina Grifeo

Il rifiuto di sottoporsi ad esami ematologici da parte del presunto padre non può determinare l'accertamento della paternità naturale qualora gli eredi nel proseguire la causa cambino atteggiamento e siano pienamente collaborativi. Lo ha stabilito la Corte di cassazione con la sentenza 12312/2015 . Il caso - In primo grado, il tribunale di Roma aveva accolto la domanda di paternità attribuendo rilievo probatorio «all'ingiustificato rifiuto di sottoporsi al prelievo biologico necessario all'espletamento del disposto esame ematologico» da parte ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?