Civile

Curatore del fallimento: sull’istanza di revoca non è ammesso il ricorso straordinario per cassazione

di Mario Finocchiaro

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Anche nell'attuale disciplina (quale risultante delle modifiche del 2006 e del 2007) la nomina del curatore del fallimento e il mantenimento dell'ufficio rispondono alla esigenza, superindividuale e non riducibile al mero rapporto coi creditori, del corretto svolgimento e del buon esito della procedura. Permane, pertanto, la non configurabilità di una posizione soggettiva giuridicamente rilevante del curatore, cui corrisponde la natura meramente ordinatoria (di atto di amministrazione interno) e non decisoria tanto del decreto di accoglimento o di rigetto della ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?