Civile

Reversibilità, conta la convivenza

di Giorgio Vaccaro

Nel regolare il conflitto tra il coniuge divorziato e quello superstite si può prescindere dal mero criterio della durata del matrimonio legale: contano infatti correttivi di tipo equitativo che possono «anche prevalere su quello della durata». Sulla «durata», la sentenza del Tribunale di Roma n. 58/2015 , (giudice Galterio) precisa la sua centralità e la valutabilità, in favore del coniuge superstite, del periodo di convivenza more uxorio prima delle seconde nozze, ribadendo che «occorre far riferimento non ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?