Civile

Esecuzione, la vendita non conta ai fini «Pinto»

di Antonino Porracciolo

Nel calcolo della durata irragionevole del processo esecutivo non vanno considerati i tempi per la ripetizione dei tentativi di vendita dovuti alla mancanza di offerte. È quanto afferma la Cassazione nella sentenza n. 8540/2015, depositata lo scorso 27 aprile. La Corte di merito aveva riconosciuto a tre ricorrenti l’equo indennizzo per i tempi troppo lunghi di un’espropriazione immobiliare. Gli stessi ricorrenti si sono quindi rivolti alla Corte suprema per ottenere maggiori importi, sostenendo che, per determinare l’irragionevole durata del ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?