Civile

Crisi d'impresa, Cassazione: “Concordato non modificabile”

di Alessandro Galimberti

Le modifiche alla proposta di concordato preventivo, anche se migliorative e relative solo alle modalità di esecuzione del piano, comportano il rigetto della omologazione se sono avvenute dopo la conclusione delle operazioni di voto dei creditori. La Prima civile della Cassazione (sentenza 8575/15, depositata ieri) ha cassato una decisione dell’Appello di Firenze che, nel febbraio dello scorso anno, aveva resuscitato il concordato preventivo di un’azienda di abbigliamento sportivo, proposta già bocciata dal tribunale. Proprio i ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?