Civile

La caparra persa non riduce l'imposta di registro

di Alessandro Galimberti

Utilizzare la perdita (simulata) di una caparra confirmatoria per abbattere il patrimonio societario - e con la finalità ultima di ridurre l’imposta di registro - integra un’ipotesi di abuso del diritto. Lo ha stabilito la Sezione tributaria civile (sentenza 6718/15, depositata ieri) ritessendo le complesse vicende societarie e contrattuali di tre aziende emiliane. Secondo la Ctr del posto, l’architettura elusiva messa in atto - attraverso un affitto d’azienda con opzione per l’acquisto, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?