Civile

Per le Sezioni unite i problemi personali non giustificano il giudice

Il giudice punito per ritardato deposito delle sentenze non può costantemente invocare a sua discolpa le difficoltà personali che ha nella vita. Lo hanno chiarito le Sezioni unite della Cassazione, nella sentenza n. 6601/2015 , depositata ieri. Si tratta di un’interpretazione sull’esimente della scarsa rilevanza del fatto, prevista dalle attuali norme sulla responsabilità dei magistrati (articolo 3-bis del Dlgs 109/2006) La pronuncia conferma un provvedimento del Consiglio superiore della magistratura, che ha dichiarato la responsabilità per illecito disciplinare di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?