Civile

Il rifiuto del test del Dna prova la falsità del riconoscimento del figlio

Francesco Machina Grifeo

Più spazio alla prova scientifica nel riconoscimento dei figli naturali. E ciò anche nel caso in cui l'accertamento passi per l'impugnazione dell'altrui dichiarazione di paternità. La mancata sottoposizione al test del Dna, infatti, può diventare un elemento determinante nel definire il «difetto di veridicità» del riconoscimento. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 6136/2015 , rafforzando una linea interpretativa ad oggi minoritaria nella giurisprudenza di legittimità. Il caso - Nel 2008 un uomo aveva riconosciuto come proprio ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?