Civile

La banca risponde in solido della truffa del promotore finanziario

di Francesco Machina Grifeo

Il risparmiatore può chiedere direttamente alla banca il ristoro per la truffa subita dal promotore finanziario che agiva in suo nome. E l'istituto di credito, a sua volta, accertata la colpa esclusiva del proprio agente, potrà agire in regresso, secondo le regola previste dall'articolo 2055 del codice civile in tema di responsabilità solidale. Lo ha stabilito il Tribunale di Napoli, sentenza 12 novembre 2014 n. 14997 , accogliendo, in parte, la domanda di un investitore. La vicenda - ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?