Civile

La comunione alla prova della variazione dei comproprietari

di Angelo Busani

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Vi è lo scioglimento di una sola comunione, e non lo scioglimento di una pluralità di masse comuni (con relative conseguenze di maggior tassazione), se la situazione di comproprietà oggetto di divisione deriva da una variazione soggettiva dei comproprietari originari: lo ha deciso la Cassazione, con la sentenza n. 27075 del 19 dicembre 2014.Questa sentenza è importante perché per la prima volta la Cassazione affronta il tema della variazione dei comproprietari e dell'incidenza di tale variazione sulla situazione di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?