Civile

Distacco minimo tra gli edifici, il criterio della «prevenienza» alla Sezioni Unite

di Francesco Machina Grifeo

In materia di distanza minima tra gli immobili, il criterio (fissato dalla legge 765/67) per cui essa «non può essere inferiore all'altezza di ciascun fronte dell'edificio da costruire», cede in presenza di un regolamento edilizio locale che contenga una diversa specifica regolamentazione. Se, però, nel dirimere le inevitabile controversie tra fondi vicini, è pacifico che non ci si possa basare sulla «prevenienza» quando il regolamento imponga il rispetto di una distanza inderogabile delle costruzioni dai confini stessi, «meno univoca, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?