Civile

Diffamazione a mezzo stampa, fissato l'importo del risarcimento per lite temeraria

Francesco Machina Grifeo

Non può essere accusato di diffamazione il giornalista che riporti fedelmente gli esiti di una indagine della procura - «dando sempre conto che si trattava di ipotesi accusatorie» - anche se poi il procedimento si concluda con un nulla di fatto. Al contrario, in sede civile, risponde di «responsabilità aggravata» chi ha promosso l'azione allegando argomentazioni «infondate» e «pretestuose», non tanto in sé quanto in riferimento al materiale probatorio alla base del rinvio a giudizio. Lo ha stabilito il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?