Civile

Richiesta d'asilo, omosessualità deducibile anche con la seconda istanza

di Francesco Machina Grifeo

In una domanda di protezione internazionale, l'omosessualità del richiedente asilo può essere dedotta anche in un secondo momento, e cioè dopo che sia stata respinta la prima istanza. Va, infatti, accordato rilievo alle ragioni «psicologiche o morali», che a causa del disvalore nel paese d'origine, possono aver determinato un ostacolo «oggettivo e decisivo» alla prospettazione del proprio orientamento sessuale fin dal principio. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 4522/2015 , accogliendo il ricorso di un cittadino liberiano. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?