Civile

Fallimento, sì alla compensazione col credito non dichiarato nel pignoramento presso terzi

Francesco Machina Grifeo

In una procedura fallimentare la banca può sempre eccepire i propri crediti in compensazione del debito verso il correntista anche se ne aveva taciuto l'esistenza in una precedente dichiarazione di scienza resa (ex articolo 547 del Cpc ) durante una procedura di pignoramento poi dichiarata improcedibile a causa del fallimento del debitore. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 4380/2015 , chiarendo che quale «atto tipico endoprocessuale», la dichiarazione di scienza «non preclude al terzo, ove il procedimento ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?