Civile

Procedimento sommario di cognizione, l'appello va fatto con citazione

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

L'appello avverso le ordinanze emesse all'esito del procedimento sommario di cognizione segue la disciplina generale e, dunque, va instaurato con citazione e non con ricorso. L'introduzione del gravame mediante il deposito del ricorso, però, non determina di per sé l'inammissibilità dell'impugnazione, purché il ricorso oltre ad essere depositato nel termine perentorio previsto per la proposizione del gravame, sia anche notificato alla controparte entro quel medesimo giorno. Lo ha ricordato la Corte d'appello di Roma con la sentenza ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?