Civile

Corte Ue: nel distacco internazionale la paga non può essere inferiore a quelle del Paese ospitante

di Giampiero Falasca

I dipendenti di aziende straniere che operano in uno Stato membro dell’Unione europea in regime di distacco internazionale devono ricevere un trattamento retributivo non inferiore a quello previsto dai contratti collettivi nazionali di lavoro applicati nei Paesi ospitanti. La Corte di giustizia europea, con tale decisione (causa C-396/13) ricostruisce il significato della direttiva n. 96/71, che regola il distacco di lavoratori dipendenti da aziende straniere in uno Stato membro dell’Unione. Tale direttiva stabilisce che, in caso di distacco ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?