Civile

Interdizione, niente nullità per l'omissione del parente privo di informazioni utili

Francesco Machina Grifeo

L'interdicendo e l'inabilitando possono stare in giudizio da soli anche nelle impugnazioni anche se è stato nominato il tutore. Infatti, ai fini della difesa del proprio status, la capacità di agire e contraddire è conservata. E tale regola «non può non valere» anche in tema di revoca delle medesime misure. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 2401/2015 , chiarendo inoltre che la mancata notifica ai parenti non determina alcuna nullità e «può costituire un motivo di d'impugnazione ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?