Civile

«Incompetente» non è un'ingiuria

di Redazione Norme

Definire “incompetente” l'amministratore di condominio in assemblea non configura il reato di ingiuria (articolo 594 del Codice penale). Tale termine, infatti, utilizzato all'interno dello specifico contesto condominiale, è da valutarsi come una legittima critica verso l'operato dell'amministratore. È quanto deciso dalla quinta sezione penale della Corte di cassazione che, con la sentenza n. 5633 del 5 febbraio 2015, ha assolto una condomina nonostante l'inequivoco significato della definizione utilizzata contro l'amministratore, riferito in presenza di tutti i partecipanti all'assemblea. La ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?