Civile

Se il riscaldamento condominiale non funziona il singolo non può procedere a modifiche fai da te

di Patrizia Maciocchi

Il singolo condomino non può fare delle modifiche che interferiscono con i servizi comuni, per avviare al cattivo funzionamento dell'impianto. La Corte di cassazione, bolla come illegittimo un intervento della canna fumaria e la chiusura di un'intercapedine a opera di un condomino che aveva agito senza una delega dell'assemblea e in assenza di un intervento delle autorità competenti. La chiusura dell'intercapedine anti incendio aveva determinato una comunicazione diretta tra il locale che ospitava la centrale termica e la sala ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?