Civile

Non è (per forza) diffamazione la qualifica di “toga rossa”

di Giovanni Negri

Alla fine è sempre questione di rosso. Dare della toga rossa a un magistrato non è per forza indice di diffamazione, mentre bollare come spia rossa un dirigente storico del partito comunista invece lo è. Problemi di sfumature, identiche quanto ad affermazioni, diverse quanto a conclusioni. La Cassazione, con la sentenza n. 1435 della Terza sezione civile, depositata ieri, ha precisato che i magistrati, soprattutto i pm, non devono sentirsi offesi se, in un libro,sono definiti «toghe ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?