Civile

L'assoluzione penale non mina la validità del licenziamento

di Francesco Machina Grifeo

L'assoluzione dal reato di furto del Supervisore alla produzione trovato in possesso di alcune schede di memoria, per via del modesto valore delle medesime, non impedisce al giudice civile di porre quegli stessi fatti alla base della validità del licenziamento operato dall'azienda. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 13/2014 , chiarendo che «le contestazioni di tipo disciplinare vanno valutate in modo autonomo e con criteri diversi rispetto a quelli applicabili per eventuali imputazioni in sede penale a ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?