Civile

Costituzione telematica ammissibile anche senza l'autorizzazione ministeriale

Francesco Machina Grifeo

L'assenza dell'autorizzazione del ministero della Giustizia a ricevere telematicamente anche «gli atti introduttivi» non può comportare «né l'inesistenza, né la nullità, né l'inammissibilità della costituzione in giudizio». Lo ha stabilito il tribunale di Genova, provvedimento 1° dicembre 2014, dichiarando la sanatoria della mera irregolarità nella comparsa di costituzione di due società considerato che le memorie erano state regolarmente inserite dal cancelliere nel fascicolo e dunque erano divenute conoscibili dalla parte. Il tribunale ligure in forza di un decreto D.G.S.I.A. ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?