Civile

La "svista" del cassiere di banca non legittima il licenziamento

di Francesco Machina Grifeo

È illegittimo, perché sproporzionato, il licenziamento del cassiere di banca che durante la contabilizzazioni di un prelievo allo sportello di 2mila euro addebiti per errore la somma sul conto corrente di un altro cliente. Lo ha stabilito alCorte di cassazione, con la sentenza 25608/2014 , affermando il principio di diritto secondo cui «non costituisce giusta causa o giustificato motivo di licenziamento una mera svista commessa dal lavoratore nell'espletamento delle proprie mansioni e priva di conseguenze dannose per il datore ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?