Civile

Sinistri, "tabelle" da personalizzare se manca il "danno esistenziale"

Francesco Machina Grifeo

Nelle lesioni molto gravi, ove si tratti di dover risarcire anche i c.d. «aspetti relazionali» propri del «danno non patrimoniale», il giudice è tenuto a verificare se i parametri delle tabelle in concreto applicate tengano conto - come accade per quelle di Milano - pure del c.d. «danno esistenziale», ossia dell'alterazione/cambiamento della personalità del soggetto che si estrinsechi in uno sconvolgimento dell'esistenza. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 24473/2014 , peraltro respingendo la domanda di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?