Civile

Cancellato il contratto che costituisce la servitù di parcheggio

di Angelo Busani

Con una motivazione di appena una decina di righe la Cassazione liquida come “nullo” a causa di «impossibilità dell'oggetto» il negozio con il quale venga costituita una servitù di parcheggio; e giunge a questa conclusione affermando che non si può parlare in tal caso di servitù in quanto «difetta la realitas, intesa come inerenza al fondo dominante dell'utilità, così come al fondo servente del peso», trattandosi invero di una situazione di «mera commoditas di parcheggiare l'auto per specifiche persone» ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?