Civile

Al dirigente spetta il risarcimento per tardiva assegnazione a nuove mansioni

Giampaolo PIagnerelli

Il vincitore di un concorso per dirigente può chiedere il risarcimento per la tardiva assegnazione alle nuove mansioni, ma non è legittimato a pretendere un risarcimento per demansionamento. A chiarirlo la Cassazione con la sentenza n. 22835/2014 . I fatti - Alla base della sentenza una vicenda in cui il Ministero delle finanze aveva indetto un concorso con Dm 19 gennaio 1993 per 999 dirigenti. In seguito, nel luglio del 1999 era approvata la graduatoria, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?