Civile

Vizi occulti, all'acquirente spetta la prova della denuncia «tempestiva»

Francesco Machina Grifeo

Grava sull'acquirente l'onere di dimostrare che la denuncia dei vizi della cosa acquistata sia sta promossa nei tempi. Se dunque il venditore eccepisce la tardività della doglianza, il compratore dovrà fornire la prova di aver agito entro otto giorni dalla conoscenza dei vizi, così come previsto dall'articolo 1495 del codice civile . Lo ha stabilito il tribunale di Cagliari, con la sentenza 1422/2014 , rispingendo il ricorso di una società che chiedeva la riduzione, per oltre 70mila euro, del ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?