Civile

La sentenza scritta male incoraggia la lite

di Patrizia Maciocchi

Se il giudice scrive male le parti risparmiano sulle spese processuali. Per la Cassazione una sentenza scritta in modo poco chiaro può indurre i litiganti a insistere, anche in buona fede, nelle loro pretese. Con la sentenza 17960/14 i giudici bacchettano i collegi di merito, senza fare differenza tra primo e secondo grado di giudizio: "punendo" entrambi con una netta insufficienza in italiano, per aver messo nero su bianco delle decisioni che secondo la Suprema corte «non brillano ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?