Civile

Paga di più il coniuge che non lascia la casa

di Antonino Porracciolo

Il rifiuto di rilasciare la casa al coniuge separato giustifica l'aumento dell'assegno di mantenimento. Lo sostiene il tribunale di Perugia (presidente De Lisio, relatore Miccichè) in un'ordinanza del 17 marzo. Nell'accordo di separazione omologato dal tribunale era previsto che l'uomo versasse alla moglie 250 euro al mese come contributo al suo mantenimento; nulla era detto per l'assegnazione della casa coniugale di proprietà della donna, giacché la coppia non aveva figli. Il marito, però, si era rifiutato di rilasciare ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?