Civile

Interessi compensativi, va provato il lucro cessante

Francesco Machina Grifeo

In una causa di risarcimento del danno, per il riconoscimento degli «interessi compensativi» sulle somme liquidate va provato il «lucro cessante», dimostrando l'uso maggiormente remunerativo rispetto al tasso di rivalutazione che il creditore avrebbe fatto se in possesso della somma. Lo ha stabilito il tribunale di Bari, con la sentenza 19 marzo 2014 n. 1447 , riconoscendo l'«attualizzazione» del credito ma negando il riconoscimento di ulteriori interessi. La vicenda riguardava una causa di risarcimento per i danni prodotti ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?