Civile

Fallimento, no alla revocatoria se la vendita forzata non soddisfa il creditore ipotecario

Francesco Machina Grifeo

La vendita forzata a prezzo incapiente delle ragioni del creditore ipotecario fa venir meno l'interesse del fallimento all'azione, in ragione dell'insussistenza di qualsiasi lesione della par condicio creditorum. In tale situazione, infatti, il fallimento potrebbe soltanto reclamare l'eventuale residuo attivo, qualora esso fosse sussistente. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 15606/2014 accogliendo il ricorso contro la sentenza di Appello che aveva ritenuto comunque sussistenti i presupposti per l'azione revocatoria. Il ricorso - Accolta ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?