Civile

Caparra confirmatoria, la volontà delle parti deve essere provata

Francesco Machina Grifeo

In un contratto, in assenza di una indicazione esplicita, per attribuire al versamento anticipato di una somma di denaro (qualificato come «cauzione») la natura di «caparra confirmatoria» va provata la «comune volontà delle parti» di voler ottenere gli scopi previsti dal codice civile in caso di inadempimento (articolo 1385). Ed una simile indagine spetta al giudice di merito. Lo ha stabilito laCorte di appello di Lecce con la sentenza 31 marzo 2014 . La vicenda - ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?