Civile

Intervento in giudizio, qualità di erede: autocertificazione valida se non contestata

Francesco Machina Grifeo

Fonte: Guida al Diritto Chi interviene in un giudizio civile già pendente assumendo di essere "erede" di una delle parti, deve fornirne la prova. Nel caso presenti una autodichiarazione, benché essa non possa considerarsi di per sé una «prova», in caso di mancata o anche inadeguata contestazione può essere posta a fondamento della decisione. Lo hanno stabilito leSezioni unite della Corte di cassazione, con la sentenza 12065/2014 , dirimendo un contrasto giurisprudenziale, ed accogliendo con rinvio, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?