Civile

Risarciti i danni da super attività

Patrizia Maciocchi

Se il troppo lavoro uccide, il datore di lavoro che non ha vigilato sull'integrità psico-fisica del suo dipendente deve risarcire i familiari. Con la sentenza 9945 depositata ieri, la Cassazione stabilisce un nesso tra le undici ore di superlavoro che il dipendente di una società di telecomunicazioni, con il ruolo di quadro, si sobbarcava e l'infarto che lo aveva portato alla morte. L'impresa si era opposta alla richiesta di risarcimento, avanzata dalla moglie e dalla figlia e quantificata dai ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?