Civile

L'uso privato della e-mail aziendalenon giustifica il licenziamento

Fonte: Guida al Diritto L'uso, anche quotidiano, della e-mail aziendale per ragioni private, così come l'installazione sul pc di programmi non inerenti all'attività lavorativa, non costituiscono violazioni sufficienti ad autorizzare il licenziamento del dipendente. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 6222/2014 , respingendo il ricorso di una azienda contro la sentenza della Corte di Appello di L'Aquila che aveva confermato la reintegrazione nel posto di lavoro del dipendente licenziato. Il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?