Civile

Combustione illecita di rifiuti con il nodo della «231»

Pierpaolo Ceroli e Stefano Cocchini

Con l'introduzione dell'articolo 256-bis nel Codice ambientale (Dlgs 152/2006) e la previsione della nuova figura di reato di combustione illecita di rifiuti si pone un problema di coordinamento con il Dlgs 231/2001. Infatti, l'entrata in vigore della legge 6/2014 (che ha convertito il decreto «Terra dei fuochi», Dl 136/2013) ha sancito l'istituzione della nuova fattispecie di reato con la quale è punito chiunque appicchi il fuoco a rifiuti abbandonati ovvero depositati in maniera incontrollata. La pena prevista è ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?