Civile

Immissioni canna fumaria, per il risarcimento non basta il fumo

Augsto Cirla

L'intollerabilità delle immissioni di fumo provenienti da una canna fumaria deve essere provata da colui che ne lamenta l'esistenza e la semplice presenza di fumo non è di per sé sufficiente a configurare un danno alla salute legittimare la richiesta di risarcimento del danno asciare presumere. Lo ha stabilito la Cassazione (sentenza n. 4093 del 20 febbraio 2014), affermando che «l'accertata esposizione ad immissioni intollerabili non costituisce di per sé prova dell'esistenza di un danno alla salute, la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?