Civile

La variazione della domanda di danno può non essere ritenuta nuova in appello

Mario Piselli

Fonte: Guida al Diritto La domanda fondata per i danni cagionati da cose in custodia (articolo 2051 del Cc) può non essere considerata nuova rispetto a quella fondata su risarcimento per fatto illecito (articolo 2043 del Cc) e, quindi, improponibile in appello, solo se l'attore abbia sin dall'atto introduttivo del giudizio enunciato in modo chiaro situazioni di fatto suscettibili di essere valutate come idonee, in quanto compiutamente precisate, a integrare la fattispecie contemplata ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?