Civile

Niente sanzioni ai magistrati che hanno «rimandato» cause fino a un massimo di 7 anni

Patrizia Maciocchi

Non va punito il magistrato che rinvia anche di 7 anni una causa civile, se lo fa per dare la precedenza a procedimenti urgenti. Con la sentenza 1516 , depositata ieri, le Sezioni unite della Cassazione escludono che la produttività delle toghe possa essere misurata con un criterio numerico. Il Supremo collegio respinge il ricorso del procuratore generale presso la Cassazione che contestava l'assoluzione di sei giudici, decisa dal Consiglio superiore della magistratura, dall'accusa di "scarso rendimento". La procura ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?