Civile

Madre anonima, scelta revocabile

Selene Pascasi

Deve diventare più elastico il divieto per l'adottato di conoscere l'identità della madre che, al momento del parto, abbia invocato l'anonimato. Si deve prevedere, dunque, che il giudice, su richiesta del figlio, possa interpellarla per verificare un'eventuale revoca della volontà di non essere nominata. Lo ha chiesto la Corte costituzionale con la sentenza 278 del 2013 per garantire l'equilibrio tra il diritto alla riservatezza del genitore e quello dei figli di conoscere le proprie origini. A portare alla ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?