Civile

La banca risponde dei danni anche se in amministrazione controllata

Crisitan Immovilli e Guglielmo Saporito

Le procedure concorsuali non precludono l'accertamento del danno prodotto da un intermediario finanziario che non abbia informato il cliente sul rischio dell'investimento. È il principio espresso dalla Corte di cassazione nella sentenza 27875 del 12 dicembre 2013 , ottenuta da un piccolo risparmiatore per il crack della Cirio. In altri termini, è l'intermediario finanziario (banca, assicurazione) che paga il cliente per non avere fornito tutte le informazioni sul rischio del titolo acquistato, anche quando pende una procedura concorsuale (nel ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?