Civile

La figlia avuta dall’amante non comporta l’addebito se la crisi era già insorta

Fonte: Guida al Diritto La circostanza che un marito, nel corso del suo matrimonio, abbia una figlia dall'amante senza aver nemmeno accennato alla moglie l'intenzione di separarsi, non basta ad addebitargli la colpa per il naufragio del matrimonio. La Cassazione, con la sentenza 27730/2013 , ha infatti convalidato la separazione senza addebito di colpa esaminando la vicenda di un coppia friulana, molto in vista per gli incarichi politici di lui, nonostante l'uomo avesse appunto avuto una ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?