Amministrativo

Sì alla Spa in house ma terzi tutelati

di Antonino Porracciolo

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

L'ente pubblico territoriale si può servire di una Spa per l'affidamento diretto (“in house”) di un servizio di rilevanza pubblica, ma resta ferma la tutela prevista dalla disciplina civilistica a favore dei terzi contraenti con la stessa società. Sono queste le conclusioni di un'ordinanza del Tribunale di Messina (presidente e relatore Giuseppe Minutoli) dello scorso 24 novembre. La controversia scaturisce da un'opposizione all'esecuzione, presentata da una Spa contro il pignoramento presso terzi promosso dall'agente della riscossione. Il giudice aveva ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?